Bocciata la riapertura dei Punti Nascita con Decreto Ministeriale?

Il 13 gennaio del 2020, a 10 giorni dalle elezioni regionali, Bonaccini e Speranza sono venuti a Reggio per dire che avevano già risolto il problema punti nascita ed erano pronti a riaprirli.

In un suo post Bonaccini indicava nella revisione del DM 70 la chiave per la riapertura.

Il sindaco Bini dichiarava ai giornali la riapertura in 60 giorni.

Oggi è uscita la bozza della revisione del DM 70 che dice testualmente:

LE CONDIZIONI PREVISTE DAL PRESENTE DECRETO SONO APPLICATE ESCLUSIVAMENTE A PN ATTIVI ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE.

Cosa vuol significare ciò?

Forse che rimarrebbero chiusi tutti i punti nascita di montagna dell’Emilia Romagna, fra essi quello di Castelnovo ne’ Monti?

Sarebbe una misura punitiva che non ha nessuna motivazione scientifica e che esprimerebbe una volontà politica censoria.

O vuol invece significare che i pn possono riaprire con un progetto speciale?

I politici ci hanno messo la faccia dando la loro parola: debbono rispondere e chiarire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: